Friuli, a quarant'anni dal terremoto

Quarant’anni fa un fortissimo terremoto devastò il Friuli.
Morirono quasi mille persone e ci furono oltre centomila sfollati.
Sin dalle prime ore dopo il sisma, scattò la mobilitazione collettiva. Sul fronte ecclesiale, come riferiscono le cronache dell’epoca, all’indomani del 6 maggio 1976, data della tragedia, il cardinale Antonio Poma, presidente della Conferenza episcopale italiana, inviò un messaggio all’allora arcivescovo di Udine, S.E. Mons. Alfredo Battisti, in cui assicurava le preghiere e l’impegno dei vescovi italiani «per venire incontro alle necessità più urgenti» della popolazione. Lo stesso giorno, alla presenza di monsignor Giuseppe Pasini, segretario generale di Caritas Italiana (organismo nato da soli cinque anni), le Caritas diocesane del Triveneto si radunarono a Venezia, in un incontro presieduto dal patriarca Albino Luciani.

Fu l’inizio dell’esperienza dei gemellaggi, tra le diocesi italiane e le parrocchie terremotate, come strumento di solidarietà, prossimità ed accompagnamento verso le comunità colpite, in modo da assicurare sostegno morale ed economico per tutto il tempo dell’emergenza, della ricostruzione e della successiva prevenzione.
81 Diocesi avviarono gemellaggi mantenendo un legame attivo per almeno cinque anni con altrettante parrocchie terremotate, grazie anche agli oltre 16 mila volontari che si alternarono nelle zone colpite.


Quasi tutte le diocesi marchigiane dell'epoca (più numerose delle attuali 13) si sentirono coinvolte attraverso l'attivazione diretta di gemellaggi con parrocchie colpite (Ancona, Ascoli Piceno, Fabriano, Fano, Pesaro) o mobilitandosi attraverso collette e con l'invio di volontari.
Si realizzarono 67 Centri di comunità, luoghi di incontro e di aggregazione di tutta la comunità e centri promotori di momenti e attività sociali, culturali, religiose e ricreative. Il metodo dei gemellaggi fu un’architrave dell’opera di aiuto. E divenne elemento portante dell’azione Caritas in occasione di tutte le successive emergenze, nazionali e internazionali.

Memoria viva

Due le principali iniziative previste per questo anniversario.
S.E. Mons. Bruno Mazzocato, arcivescovo di Udine, presiederà una solenne celebrazione nel Duomo di Gemona, per le 17.00 di giovedì 5 maggio, vigilia del terremoto, con la presenza di rappresentanti di Caritas Italiana, membri del Coordinamento nazionale emergenze e i vescovi delle diocesi che si gemellarono 40 anni fa con i paesi friulani.
S.E. Mons. Giuseppe Pellegrini, vescovo di Concordia-Pordenone, alle 20.30 a Vito d’Asio (PN), nella Chiesa parrocchiale di San Michele celebrerà la Santa Messa in ricordo e suffragio di tutte le vittime del sisma, alla quale prenderanno parte rappresentanti di Caritas Italiana.
Saranno occasioni di preghiera, ma anche opportunità per fare memoria di quella fondamentale esperienza di cammino comune che produsse molti frutti, si protrasse fino al ritorno alla normalità, e consentì di leggere insieme i bisogni espressi dal popolo e dal territorio, di rispondere ad essi, di garantire vicinanza e condivisione autentica.

News/Eventi
  20/08/2018
Servizio Civile


  24/08/2017
Primo anniversario del terremoto Centro Italia del 24 agosto 2016


  06/05/2016
Friuli, a quarant'anni dal terremoto


  11/04/2016
I giovani di Calabria e Marche uniti nella reciprocitą


  01/09/2014
9^ giornata per la custodia del creato 2014


   

Delegazione regionale delle Caritas delle Marche c/o Caritas Macerata
piazza Strambi, 3 - 62100 Macerata (Mc) - Tel. 0733 232795 - Fax 0733 268307 - segreteria@caritasmarche.it

web design Puntomedia - web engineering Solarix